LA SESTA PROVINCIA PUGLIESE - SUPPLEMENTO DI INFORMAZIONE ON-LINE DELLA RIVISTA ASSODOLAB - ISSN 2280-3874

Ecco i test per gli Addetti antincendio.

www.addettiantincendio.net

SCUOLA..:: La formazione del personale della Scuola continua in questo nuovo anno scolastico con l'Assodolab... www.assodolab.it
Preparati per gli esami del patentino on-line, gratuitamente. www.quizpatentino.net

 

 

 

Rigoletto: Il tempo, lo spazio e la musica nella costruzione del dramma.

037..:: 19.10.2013

 

Nella foto, la soprano, Luciana Distante.

Proseguiamo questo «percorso musicale» a cura di Luciana Distante, soprano. E' una iniziativa dell'Assodolab riservata a coloro che amano la "buona musica" e gli "autori del passato" che ci accompagnerà per tutto l'anno 2013 su queste pagine web del nostro Supplemento di informazione on-line www.lasestaprovinciapugliese.it

La prossima uscita sarà il prossimo sabato.

La Redazione

Prof. Agostino Del Buono

 

 

Regione Puglia, LECCE..:: In Rigoletto, grande capolavoro operistico verdiano, gli elementi classici della narrazione, quali il tempo e lo spazio, vengono assoggettati alla necessità di sottolineare la complessità psicologica del protagonista.
Colpisce infatti, rispetto a precedenti opere verdiane, una nuova concezione ed un utilizzo innovativo del tempo. Spicca la rapidità con la quale gli eventi si succedono, senza peraltro pregiudicare la caratterizzazione dell’ambiente e dei personaggi. Osserverà con amarezza Rigoletto nel secondo atto, dopo aver confortato Gilda ‘disonorata’ dal duca: «E tutto un sol giorno cangiare poté». Colpisce in particolare il ritmo del primo atto. Dopo il preludio, si susseguono la ballata "Questa o quella" e il duettino con la contessa di Ceprano, che sono già una compiuta raffigurazione scenico - musicale del duca. Analogamente, la prima frase di Rigoletto, «In testa che avete, signor di Ceprano», esprime i provocatori atteggiamenti che il buffone di corte si consente a spese dei cortigiani.
A loro volta, con l’arrivo di Marullo, i cortigiani apprendono che in casa di Rigoletto vive una donna e, scambiandola per la sua amante, preparano la vendetta, dando il via a quella serie di malintesi e scambi di persona in cui si consumerà il dramma.
Tutti questi rapidi avvenimenti sono scanditi da un’incalzante raffigurazione melodica, il cui ritmo è frenato, anzi, quasi bruscamente stoppato, soltanto dall’ingresso di Monterone e dalla sua fatale maledizione.
Altro segno evidente dell’evoluzione di Verdi si ravvisa nell’utilizzo dello spazio e dell’ambientazione. Emblematica in tal senso è la scena dell’incontro Rigoletto - Sparafucile della scena successiva. La melodia di un violoncello e di un contrabbasso - sommessa, in sordina - emerge sugli ‘staccati’ dei fiati e sui ‘pizzicati’ degli archi; ed è cupa, sinistra, come le frasi che i due personaggi si scambiano. Quanto al "Pari siamo" di Rigoletto, che si sviluppa su continui mutamenti di tempo, è evidente il gioco di un genere di declamazione melodica altrettanto cangiante. Il duetto che segue alterna momenti di affannosa concitazione, come l’Allegro vivo iniziale introdotto dalla piena orchestra ("Figlia!", "Mio padre"), ad altri di canto disteso e affettuoso: così l’Andante "Deh, non parlare al misero", melodia nostalgica di Rigoletto alla quale Gilda risponde con frasi trepidanti, all’unisono con il primo oboe e il primo violino. Questo duetto procede con trapassi di tono, come il veemente "Culto, famiglia, patria/ il mio universo è in te", la cui iperbolica enfasi faceva inorridire i cultori dell’aulica compostezza rossiniana.
Ma Verdi mirava all’eloquenza scenica, che d’altronde non precludeva melodie ampie e di calda affettuosità come il "Veglia, o donna, questo fiore" rivolto a Giovanna, la ‘custode’ di Gilda.
Ricompare a questo punto il duca, che capovolge il principio romantico del tenore vittima del baritono (vale a dire del giovane eroe, ricco di virtù, piegato dalla scaltra virulenza di un uomo maturo), ergendosi per di più, data l’ampiezza della sua parte, quasi a coprotagonista.
Monterone prima, quindi Gilda e Rigoletto sono le sue vittime. Quando il duca, introdottosi nella casa di Rigoletto con la complicità di Giovanna, ascolta l’ultima parte del duetto baritono-soprano e apprende che Gilda è figlia del suo buffone di corte, si limita a un solo laconico commento, «Sua figlia!».
Di Gilda il duca sembra, inizialmente, sinceramente invaghito. Anzi lo è, tanto Gilda differisce dalle sue abituali conquiste. Di qui l’appassionato "È il sol dell’anima, la vita è amore" e la candida risposta di Gilda ("Ah de’ miei vergini sogni son queste").
Il Rigoletto vanta anche una parte corale di rilievo. Il "Zitti, zitti, moviamo a vendetta” dei cortigiani che rapiscono Gilda è un Allegro fortemente ritmato, mentre subito dopo, a conclusione del primo atto, è l’orchestra a delineare la disperazione di Rigoletto. La scena e l’aria del Duca che apre il secondo atto si attengono, diversamente dagli altri ‘assoli’ di questo personaggio, alla struttura rituale: recitativo ("Ella mi fu rapita"), Adagio ("Parmi veder le lacrime") e cabaletta (Allegro "Possente amor mi chiama"), dilazionata dal coro "Scorrendo uniti remota via" dei cortigiani.
Successivamente, l’iniziale, simulata veemenza di "Cortigiani, vil razza dannata", che poi si muta in un’implorazione ("Miei signori, perdono, pietade") iterata dal corno inglese accompagnato dai soli archi; l’entrata improvvisa di Gilda, mentre fiati e archi prorompono in un Allegro; il patetico racconto "Tutte le feste al tempio"; il concitato "Solo per me l’infamia" di Rigoletto, seguito dall’accorato "Piangi, piangi, fanciulla" si susseguono con straordinaria continuità di ispirazione, per poi prorompere nell’Allegro vivo "Sì, vendetta, tremenda vendetta": clamoroso, plateale, primordiale sotto certi aspetti, ma teatralmente travolgente.
Il terzo atto è contrassegnato da un’inventiva melodica grazie alla quale ambientazione e avvenimenti procedono simultaneamente, pur con marcati contrasti di tono. Allo sconsolato colloquio iniziale fra Rigoletto e Gilda segue l’elettrizzante cinismo della canzone "La donna è mobile" del duca, che Verdi tenne segreta ancora a prove iniziate e che la sera della prima rappresentazione fu ‘trissata’. Quindi un breve, tetro dialogo Rigoletto-Gilda, ma subito dopo lo stupefacente quartetto Gilda-Maddalena-duca-Rigoletto, che armonizza e fonde quattro diversi stati d’animo.
Segue la tempesta, con la singolare trovata del vento mimato a bocca chiusa dalle voci maschili del coro, il dialogo Sparafucile - Maddalena e l’estremo sacrificio, mentre la tempesta s’intensifica. Poi, mentre l’uragano si smorza, l’orgoglioso soliloquio di Rigoletto, che crede d’aver annientato un uomo potente, ma è richiamato alla realtà dal canto del duca, che ancora una volta intona "La donna è mobile". Infine, l’ultima melodia dell’agonizzante Gilda ("Lassù in cielo, vicino alla madre") e l’estremo grido di Rigoletto, evocante la maledizione di Monterone.
 

 

Luciana Distante

 

 

 

 

 

 

 

Richiedi un preventivo gratuito per il tuo impianto solare fotovoltaico e termico...
SISTEMA SOLARE Srl..:: Sistema Solare Srl si occupa di progettazione, fornitura, installazione, manutenzione di impianti solari fotovoltaici e termici, mini eolico e consulenza nel campo del risparmio energetico.

 

 

Per informazioni e preventivi gratuiti puoi telefonare al numero: 0884.585602 oppure inviare una e-mail a: info@sistemasolaresrl.it e verrete contattati entro 48 ore. 

Vuoi prepararti per il Brevetto di volo?

 

Bene, da oggi lo puoi fare con i test predisposti sul sito www.quizbrevettidivolo.it  

Visita il sito!
Piccoli produttori al femminile...
OLIO DI OLIVA..:: Molte sono le grandi aziende di olio di oliva che resiedono in Puglia, molte sono anche i piccoli produttori... Oggi  presentiamo una piccola realtà aziendale agricola Del Buono Nicolina.

 

 

Preparati per l'esame teorico della Carta di Qualificazione del Conducente.

 

Sul sito www.quizcqc.com puoi prepararti all'esame teorico gratuitamente.

 

Contatore visite

 

 

 

 

www.lasestaprovinciapugliese.it - Supplemento di informazione on-line della rivista Assodolab

Registrata al Tribunale di Foggia al n. 16/2000 - Privacy e Cookies Policy

Editrice: ASSODOLAB - P. IVA 03039870716 - Direttore responsabile: Arcangelo Renzulli