LA SESTA PROVINCIA PUGLIESE - SUPPLEMENTO DI INFORMAZIONE ON-LINE DELLA RIVISTA ASSODOLAB - ISSN 2280-3874

Ecco i test per gli Addetti antincendio.

www.addettiantincendio.net

SCUOLA..:: La formazione del personale della Scuola continua in questo nuovo anno scolastico con l'Assodolab... www.assodolab.it
Preparati per gli esami del patentino on-line, gratuitamente. www.quizpatentino.net

 

 

 

PERSONAGGIO STORICO: Lucrezia Borgia musicato da Gaetano Donizetti.

036..:: 12.10.2013

 

Nella foto, la soprano, Luciana Distante.

Proseguiamo questo «percorso musicale» a cura di Luciana Distante, soprano. E' una iniziativa dell'Assodolab riservata a coloro che amano la "buona musica" e gli "autori del passato" che ci accompagnerà per tutto l'anno 2013 su queste pagine web del nostro Supplemento di informazione on-line www.lasestaprovinciapugliese.it

La prossima uscita sarà il prossimo sabato.

La Redazione

Prof. Agostino Del Buono

 

 

Regione Puglia, LECCE..:: Lucrezia Borgia, nobildonna italiana di origine spagnola, donna astuta e affascinante fu per molto tempo considerata un personaggio conforme ai comportamenti del mondo cortigiano rinascimentale italiano, un mondo tradizionalmente ritenuto corrotto e perverso. Le colpe di cui fu accusata, già in vita, anche in conseguenza dell’odio suscitato dai suoi familiari, vennero poi ampliate e rese leggendarie tanto da divenire il soggetto di varie opere d’arte, letterarie, plastiche e musicali, tra cui l’ opera lirica Lucrezia Borgia di G. Donizetti.
Lucrezia Borgia nacque a Subiaco, oggi in provincia di Roma, il 18 aprile del 1480. Era figlia del cardinale spagnolo Rodrigo Borgia, arcivescovo di Valencia, divenuto Papa della chiesa cattolica nel 1492 con il nome di Alessandro VI, e di Vannozza Cattanei, donna mantovana, amante di Rodrigo per 15 anni. Lucrezia fu l’unica figlia femmina (ebbe 3 fratelli di nome Cesare, Giovanni e Goffredo) e visse nell’ambiente della corte pontificia nel periodo in cui il Papa era più un sovrano temporale, ossessionato dallo sfarzo, dal benessere e soprattutto dalla sete di potere, che un capo spirituale. La vita delle donna fu fortemente legata alle fortune e alle ambizioni politiche della sua potente famiglia che adottò le teorie politiche d’ispirazione machiavelliana e che fu accusata di quella grave corruzione morale sessuale, tipica dei papati rinascimentali.
Suo padre ed il fratello Cesare organizzarono per lei diversi matrimoni con uomini importanti e potenti. All’età di 11 anni Lucrezia era stata promessa in moglie già due volte ma in entrambi i casi il padre sciolse i fidanzamenti. In seguito, all’età di 13 anni fu pianificato il matrimonio con Giovanni Sforza, allo scopo di creare un’alleanza con la potente famiglia milanese. Questo matrimonio fu un evento scandaloso, ma non più di altre celebrazioni del tempo, tant’è che era in uso, a quei tempi, l’abitudine per cui il padre della sposa faceva da testimone all’avvenuta consumazione, nella prima notte di nozze. Quando la presenza degli Sforza alla corte papale non fu più congeniale ed opportuna, lo stesso Giovanni cercò rifugio e appoggio dallo zio Ludovico il Moro a Milano, ma non ottenne di avere Lucrezia con se. A questo punto i Borgia accusarono Giovanni di essere un marito solo di nome e non di fatto, mentre Giovanni accusò Lucrezia di essere l’amante del padre e di suo fratello. La famiglia di Lucrezia insistette per ottenere l’annullamento del matrimonio, mentre Giovanni ne affermò la validità poiché era stato consumato. Con un gesto di sfida estremo sia i Borgia che lo zio di Giovanni chiesero al giovane di dimostrare la sua virilità davanti a tutti , ma egli rifiutò. Per risolvere la questione fu deciso di far esaminare Lucrezia e, una volta dichiaratane la virgo intacta, il matrimonio fu nullo. Nel periodo del processo, Lucrezia ebbe una relazione clandestina, dalla quale nacque un bimbo in segreto. Questo bambino, battezzato con il nome di Giovanni, passerà alla storia come “l’infante romano” e diverse saranno le versioni sulla sua storia.
Successivamente Lucrezia si unì in matrimonio ad Alfonso D’Aragona, duca di Bisceglie. Entrambi sacrificati alla ragion di stato, presto si innamorarono l’una dell’altro, ma quando il Papa decise di stringere un’alleanza con la Francia, venne assassinato il marito, lasciando soli Lucrezia e il loro neonato primogenito Rodrigo D’Aragona. Dopo un periodo di lutto a Nepi, Lucrezia rientrerà a Roma, nelle grazie del padre.
Allo scopo di rafforzare la signoria di Cesare in Romagna il Papa diede Lucrezia in sposa ad Alfonso I D’Este, erede legittimo del ducato di Ferrara. Nonostante le premesse negative e la nomea che perseguita Lucrezia, ella riuscirà a farsi rispettare, se non proprio amare dal marito. Al contempo, un’adorazione particolare le rivolse il poeta Pietro Bembo dedicandole “Gli Asolani”. Dal matrimonio con Alfonso nacquero 6 figli, ma solo 4 sopravvissero all’infanzia. Morto il padre, la vita di Lucrezia fu tracciata. Ella morirà, infatti, all’età di soli 39 anni a causa di una setticemia a seguito di un parto.
Come ho anticipato, il personaggio storico di Lucrezia Borgia è stato fonte di ammirazione ed ispirazione per molti artisti, in particolar modo per Gaetano Donizetti nell’ omonima opera.
Nell’opera, Lucrezia Borgia è la moglie di Alfonso I D’Este, duca di Ferrara. E’ considerata una donna malefica, sino a divenire la personificazione del diavolo. Tutta la vicenda ruota attorno al personaggio del figlio Gennaro, nella realtà si tratta di Giovanni, quel figlio illegittimo avuto prima del matrimonio con Alfonso D’Aragona. Il disprezzo che, nell’opera, Gennaro, assieme ad alcuni suoi amici, dimostra verso i Borgia nell’atto di sfregiarne lo stemma (al posto di Borgia si legge Orgia) sarà lo stesso dimostrato da Burcardo di Strasburgo, maestro di cerimonie in Vaticano. Secondo quest’ultimo Lucrezia ed il padre organizzavano sabba satanici, tra cui il noto “ ballo delle castagne”, ossia un’orgia ideata da Cesare. Il maestro accusò Lucrezia di avere rapporti incestuosi con il papa e con suo fratello Cesare, arrivando ad asserire che l’infante romano sarebbe nato proprio da un incesto e che molti delitti dei familiari fossero dovuti alla gelosia che i due uomini provavano per lei. Un importante tema che si sviluppa nella trama è poi quello dei delitti. Sia nell’opera che in altre leggende e versioni si asserisce che Lucrezia utilizzava del veleno per vendicarsi. Sembra avesse un anello che immergeva quotidianamente in un veleno di sua invenzione: cospargeva di arsenico le viscere di un maiale appena ucciso, poi quando la massa putrefatta era secca veniva ridotta in polvere e bastava immergere l’anello nella polvere perchè la sostanza tossica uccidesse in 24 ore fra atroci tormenti. Nell’opera Lucrezia è costretta a vendicarsi del misfatto commesso da Gennaro versando al figlio del veleno nella coppa, ma consegna solo a lui l’antidoto. Nella realtà storica non ci sono fonti che attestino quale sia stata la vera causa della morte del figlio e se, dunque, questa coincida con la versione fornita dall’opera. Di un altro delitto si è invece certi: fu senza dubbio un assassinio la morte del marito Rodrigo D’Aragona ucciso, per alcuni, dall’uomo di fiducia del fratello Cesare con un pugnale, per altri dai Borgia compresa Lucrezia, ormai succube delle decisioni di suo padre.
Sicuramente leggende e dicerie scaturiscono dall’odio profondo che i Borgia erano riusciti ad attirare a sé, tanto che la riforma luterana ebbe origine come risposta alla condotta immorale del papa Alessandro VI.
 

 

Luciana Distante

 

 

 

 

 

 

 

Richiedi un preventivo gratuito per il tuo impianto solare fotovoltaico e termico...
SISTEMA SOLARE Srl..:: Sistema Solare Srl si occupa di progettazione, fornitura, installazione, manutenzione di impianti solari fotovoltaici e termici, mini eolico e consulenza nel campo del risparmio energetico.

 

 

Per informazioni e preventivi gratuiti puoi telefonare al numero: 0884.585602 oppure inviare una e-mail a: info@sistemasolaresrl.it e verrete contattati entro 48 ore. 

Vuoi prepararti per il Brevetto di volo?

 

Bene, da oggi lo puoi fare con i test predisposti sul sito www.quizbrevettidivolo.it  

Visita il sito!
Piccoli produttori al femminile...
OLIO DI OLIVA..:: Molte sono le grandi aziende di olio di oliva che resiedono in Puglia, molte sono anche i piccoli produttori... Oggi  presentiamo una piccola realtà aziendale agricola Del Buono Nicolina.

 

 

Preparati per l'esame teorico della Carta di Qualificazione del Conducente.

 

Sul sito www.quizcqc.com puoi prepararti all'esame teorico gratuitamente.

 

Contatore visite

 

 

 

 

www.lasestaprovinciapugliese.it - Supplemento di informazione on-line della rivista Assodolab

Registrata al Tribunale di Foggia al n. 16/2000 - Privacy e Cookies Policy

Editrice: ASSODOLAB - P. IVA 03039870716 - Direttore responsabile: Arcangelo Renzulli